Disegni Tatuaggi

Il sito dedicato agli appassionati del tatuaggio

Categorie

Tatuaggi Maori

tatuaggio maori

Tatuaggi Maori : Esistono tatuaggi che rappresentano un momento particolare della propria vita, con cui si desidera far conoscere a coloro che ci circondano i nostri sentimenti, oppure si vuole manifestare la fatica spesa per raggiungere un traguardo. Se pensate che l’arte di farsi incidere dei disegni sulla pelle sia tipica dei nostri soli tempi, allora dovete ricredervi e resterete sorpresi quando scoprirete che, in realtà, questa pratica risiede nelle usanze di popoli antichi e risalenti addirittura al 700 d.C. In questo periodo, il popolo Maori è riuscito a esprimere tutta la sua creatività e stupefacente originalità, attribuendo al tatuaggio un significato profondo e importante legato principalmente a rapporti familiari. La bravura di ciascun elemento di un gruppo nel sopravvivere, nel trovare cibo o nell’accendere un fuoco, l’amore provato per i propri figli e la propria compagna e la saggezza fornita dall’esperienza degli anni che passano: questi e molti altri erano gli elementi descritti in ogni diagramma, attraverso una serie di segni diffusi in tutto il corpo, senza esclusione nemmeno del viso.

Entra nella Galleria

Tutto questo era realizzato eseguendo la creazione di simboli secondo l’usanza del Moko, e proprio grazie a questa pratica era possibile riconoscere il capo di un gruppo nei confronti del quale tutti erano tenuti al rispetto e alla reverenza. In tal caso il tatuatore era chiamato Tohunga Ta Moko ed era molto più di una semplice guida ma un vero e proprio consigliere, che aveva il compito di indagare sull’esistenza di chi doveva tatuare, per trarre ispirazione dalle circostanze più importanti del suo percorso di vita. Il tatuaggio consisteva in linee il cui valore è spesso indecifrabile dinanzi all’occhio di noi moderni, ma in realtà ogni singolo tratto era tracciato sulla base della volontà di esprimere un’idea ben precisa.

maori-1maori-2maori-3

Entra nella Galleria

Erano soprattutto gli uomini a farsi tatuare il viso, e il momento in cui le creazioni erano attuate, si presentava come un vero e proprio evento solenne, in cui doveva dare spazio al silenzio e lasciare che l’unico a parlare fosse il tatuatore, ma in questo caso il Tohunga Ta Moko esprimeva un linguaggio diverso, il cui vero significato era tracciato dalle sue mani e dalla sua capacità di riassumere un’itera vita, in una serie di segni diretti in posizione orizzontale o verticale. Le donne si limitavano a tatuarsi tali simboli in zone come la fronte oppure il mento, lasciando all’uomo il privilegio di ricoprirsi il viso intero. Nonostante queste pratiche siano lontanissime nel tempo, adesso esistono ancora persone che ricorrono al tatuaggio che ricopre anche il viso, proprio in segno di dedizione e di grande ammirazione verso quest’antica civiltà.